Si ricomincia ·

30. maggio 2015, 09:42 by Sir Francis Drake

Mi sono stabilizzato. Ho passato diverse vicissitudini legate alla mia precedente vita in continente che mi hanno fatto da una parte interrompere questo blog, dall’altra mi hanno imposto alcune riflessioni sul mio modo, spesso violento e ipercritico di vedere le cose. Ho preso quindi la decisione di riprendere la mia comunicazione con toni meno esasperati e approfondendo anche altri settori dei miei interessi che prima avevo tralasciato o affrontato con minore attenzione. Lentamente quindi questo blog riparte, il che – suppongo – interesserà pochissime persone e proprio per questo, ritengo, vale la pena di ricominciare.

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure [2]





Secondo voi come sto? ·

12. gennaio 2013, 15:33 by Sir Francis Drake

3 gennaio 2013, 07.30 AM, waterfront di Portoferraio. Una lieve nebbiolina scende dal monte Fabbrello e dai canneti sotto il Burraccio e presso Schiopparello. Il mare è un olio. Le navi ancora non sono arrivate. L’aria è frizzante e profuma di mare invernale. Pochi autoctoni popolano la riva. Qualche cachinno di gabbiano.

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure





It's easy to connect ·

22. ottobre 2012, 18:16 by Sir Francis Drake

Eccoci qua. Muniti di pennina usb ora si viaggia e bene. Naturalmente abbiamo dovuto passare le forche caudine di avere installato Linux invece che quegli orribili sistemi operativi a pagamento e quindi i chipset delle chiavette li fanno apposta per rompere i coglioni a quelli come me e come voi, cari lettori, che vorreste pagare la roba il giusto. Fino a qualche tempo fa le chiavette Huawei non davano problemi, ma ora i chipset sono cambiati e gli altri (Zen, Onda) fanno girare i coglioni anche di più. E allora come si fa? Si fa come vi dico io anche se, penso, molti di voi saranno già a conoscenza della cosa. Io la segnalo lo stesso e faccio così il gagarone visto che con 29 plEuri me la sono cavata (o chiavata trattandosi di chiavetta e rimembrando l’immortale capolavoro “Io speriamo che me la chiavo”). Basta installare Sakis3g e anche la chiavetta più merdosa sarà riconosciuta dal vostro sistema e potrete finalmente perdere tempo a scrivere su un blog come questo, invece che fare qualcosa di più produttivo.
Ganzo eh?

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure





It's very hard to connect ·

29. settembre 2012, 10:34 by Sir Francis Drake

Scaraventato da un lavoro ad un altro (per carità, l’ho voluto io) e da una città ad un’altra (come già anticipato) sono alle prese con tutti i problemi organizzativi che si possono ben immaginare. Uno di questi è sicuramente la connessione. Nella mia vita precedente ero connesso 24h 7d, ma qui non è al momento possibile e comunque non lo sarà mai in quella misura. Tuttavia non è da disperarsi, a breve potrò fare qualcosa. Devo dire tuttavia che questo periodo di disintossicazione non mi dispiace. Forse c’era davvero bisogno di una purificazione dalle scorie accumulate per anni. Come ho avuto modo di dire recentemente ad una cara amica in questo momento ci sono tre fegati che mi ringraziano: il mio, quello della signora Drake e quello della signorina Drake. Intanto un’altra foto, così per capire meglio.

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure





Isole ·

23. luglio 2012, 15:56 by Sir Francis Drake

Quando ho dato vita, insieme a HJK e ad altri amici, a questo blog mi stavo trasferendo da una città di medie dimensioni ad un paesino di 100 anime. Accorciavo così la distanza che dovevo percorrere tutti i giorni per recarmi sul posto di lavoro e andavo a godere (per meglio dire: venivo a godere) di una presunta tranquillità. Ma andiamo ancora più indietro: 27 anni lasciavo le coste per trasferirmi nell’entroterra dove avrei trovato, dopo la laurea, una famiglia, un lavoro, un ambiente nel quale sviluppare le mie aspirazioni e dar luogo a tentativi di raggiungere le mie aspettative. Molti sono i testimoni dei miei sforzi e della profusione di energie, tempo e, anche, denaro che ho dedicato a questi scopi e ne ho dato conto, spesso, anche su questa pagina. Ora è giunto il momento di lasciare tutto questo e tornare sulla costa, anzi, meglio, tornare nella vera e propria heimat, la patria. Da settembre le trasmissioni proverranno da un’isola, quella in effigie. La mia mente tornerà ad essere riempita da quel conglomerato di emozioni, ispirazioni, suggestioni, essenze che provengono dall’acqua, dal mare. Come ho scritto tempo fa, a cibarmi – per citare Machiavelli – del cibo che solum è mio ed io mi nacqui per lui. A presto. SFD.

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure [1]





Quando funzionerà la RAI? Quando si chiamerà BBC ·

28. giugno 2012, 11:15 by Sir Francis Drake

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure





Un esempio che sarebbe meglio seguire ... ·

20. dicembre 2011, 10:10 by Sir Francis Drake

… è quello proposto qui e richiamato, più liricamente, anche qui. Non vedo una grande differenza con quanto sta accadendo dalle nostre parti e mi pare che la soluzione adottata in quel caso, a partire dalla sacrosanta mandata affanculo del Fondo Monetario Internazionale e di quel fascista di Giorgino sia ampiamente percorribile. Con apprezzabili risultati anche estetici.

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure





Tanto lo so che finisce così ... ·

12. dicembre 2011, 20:13 by Sir Francis Drake

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure





Dunque, vediamo di capirci ·

11. dicembre 2011, 14:01 by Sir Francis Drake

Vado abbastanza spesso a Roma per ragioni di lavoro per non parlare della mia signora che ci lavora proprio. Mi reco nella zona dell’Ostiense e, precipuamente, davanti alla Basilica di San Paolo fuori le mura. Quando devo rimanere per due giorni vado a dormire in piccolo albergo davanti alla Basilica che, avendo una quindicina di camere, una piccola sala colazioni, costa 50 euro a notte. Mi è capitato una volta che lì non ci fosse posto e quindi, per la STESSA CIFRA sono andato, indirizzato dal gentile albergatore usuale, a due passi, al Pensionato San Paolo, cioè il casermone EXTRATERRITORIALE che vedete nella foto. E’ enorme, ha una sala colazioni molto ampia, non è male, è pulito, un po’ peggio – per ovvie ragioni di dimensioni – dal piccolo albergo dove vado di solito. Infatti il Pensionato San Paolo ha più di cento camere e un pernottamento costa 50 euro esattamente come l’altro. Quando ci sono capitato io era praticamente pieno perché era la stagione delle gite scolastiche.
A parte le dimensioni, ci sono due differenze tra il piccolo albergo dove sono solito andare e il San Paolo: 1. la presenza nel secondo di una cappellina per poter usufruire della messa (ovvio, l’immobile è del Vaticano); 2. la seconda è che il RH (iniziali dell’alberghetto) paga l’ICI e tutte le altre tasse possibili ed immaginabili, il San Paolo ovviamente NO, né la pagherà mai perché è evidente che questa storia finirà a schifìo come al solito.
Io sono ateo e anticlericale. Va bene. Però questa discussione che si è scatenata mi sembra veramente di lana caprina e mi pare che da parte degli strenui difensori dell’intangibilità della Chiesa ci si arrampichi sugli specchi. Anche perché non serve asserire che anche tutte le altre organizzazioni no profit, come partiti, sindacati e via discorrendo non pagano l’ICI. Il ragionamento è esattamente opposto: la devono pagare anche loro, certo che la devono pagare. Oppure, meglio ancora, non la deve pagare nessuno. Ma basta con questa tiritera. Nel mio esempio c‘è una palese ingiustizia nei confronti del cittadino del RH e di questi esempi gli amici Radicali ne hanno fatti molti, documentandoli. Cominciamo a dire le cose come stanno. Poi se si vuol dire: l’albergatore deve pagare e i preti che gestiscono la stessa identica attività no, va bene, ma che lo si dica chiaro e tondo e senza infingimenti. Preferisco la spiacevole verità che questa continua, untuosa ricerca di una via di uscita onorevole.

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure





Due considerazioni ·

27. novembre 2011, 14:34 by Sir Francis Drake

1. Insisto a dire che questo è un genio.
2. Per mille ragioni una delle quali sub 1. costui non ha niente a che vedere con Beppe Grillo, cosa che a chiunque lo ascolti non dovrebbe sfuggire indipendentemente dal quoziente intellettivo.

E se proprio non puoi farne a meno, allora commenta pure